Corso di Dizione e Fonetica Italiana Online
4.6 (37 ratings)
Course Ratings are calculated from individual students’ ratings and a variety of other signals, like age of rating and reliability, to ensure that they reflect course quality fairly and accurately.
274 students enrolled

Corso di Dizione e Fonetica Italiana Online

Per italiani e stranieri
Bestseller
4.6 (37 ratings)
Course Ratings are calculated from individual students’ ratings and a variety of other signals, like age of rating and reliability, to ensure that they reflect course quality fairly and accurately.
274 students enrolled
Created by Cristiana Raggi
Last updated 4/2020
Italian
Current price: $97.99 Original price: $139.99 Discount: 30% off
5 hours left at this price!
30-Day Money-Back Guarantee
This course includes
  • 7 hours on-demand video
  • 21 articles
  • 18 downloadable resources
  • Full lifetime access
  • Access on mobile and TV
  • Certificate of Completion
Training 5 or more people?

Get your team access to 4,000+ top Udemy courses anytime, anywhere.

Try Udemy for Business
What you'll learn
  • Parlare in modo corretto, con sicurezza, senza errori di pronuncia ed inflessioni regionali.
  • Pronunciare bene la lingua italiana, senza errori di pronuncia ed inflessioni nazionali. Infatti, i contenuti del corso sono adatti anche per gli stranieri.
  • Imparare ad usare bene la voce liberandola da cattive abitudini (afonia, disfonia, ecc.).
  • Articolare perfettamente tutte le lettere dell'alfabeto italiano.
  • Affrontare problemi di rotacismo, sigmatismo, ecc.
Requirements
  • Il corso è interamente in italiano, quindi bisogna sapere o comprendere la lingua italiana. Nei prossimi mesi uscirà lo stesso corso con i sottotitoli in diverse lingue.
Description

Il Corso di Dizione e Fonetica Italiana Online di Cristiana Raggi è pensato per comunicare meglio, con più chiarezza, espressività ed eleganza.

In particolare, il corso ti aiuta a migliorare il modo in cui pronunci le parole e farti capire meglio da tutti. Attraverso un percorso ricco e stimolante, la comunicazione diventerà limpida, efficace e piacevole, acquisendo sicurezza e tranquillità.

Prova queste lezioni se vuoi imparare e/o migliorare la tua dizione e fonetica in maniera semplice per far capire meglio i tuoi pensieri rendendo le parole più chiare.

Il programma di questo corso base è il seguente:

Programma di vocalità

  • La respirazione apicale, petto e di pancia.

  • La respirazione diaframmatica.

  • Voce diaframmatica, potenziamento vocale.

  • Accenti tonici, fonici e grafici.

  • Corretto utilizzo della respirazione diaframmatica nel parlato.

  • Mobilitazione: collo, spalle, busto, anche. Correttivi di posture errate, incidenti sulla respirazione, tra cui deviazioni della colonna vertebrale e anteriorizzazione delle spalle.

  • Esercizi di correzione e miglioramento del suono prodotto con la voce.

Programma di dizione

  • E, O aperte e chiuse.

  • S, Z aspre o dolci.

  • Regole ed eccezioni.

  • Omografi.

  • Tempi dei verbi.

  • Mesi, giorni, settimane, numeri.

  • Filastrocche e scioglilingua. Regionalismi dell’Italiano.

  • Esercizi per eliminare cadenze dialettali e cantilene.

Programma di fonetica

  • Gli organi dell’articolazione:lingua, denti, labbra, palato. Esercizi di rafforzamento e mobilizzazione dell’apparato fonatorio.

  • Potenziamento della muscolatura articolare fonatoria.

  • Corretta pronuncia delle consonanti (bilabiali, labiodentali, dentali, alveolari, post-palatali, palatali e velari). Fonemi semplici e complessi. I difetti dell’articolazione.

  • Corretta pronuncia delle vocali (forti e deboli).

  • Articolazione (ortofonia): caratteristiche dei suoni articolati.

  • Esercizi di articolazione e scansione.

  • Esercizi per la pronuncia delle vocali e delle consonanti.

Una volta apprese tutte queste cose sarà possibile soprattutto nel mondo del lavoro, farsi comprendere bene, questo permette di:

  • aumentare il rendimento e la tua soddisfazione personale;

  • raggiungere gli obiettivi;

  • realizzare presentazioni efficaci;

  • farsi apprezzare e rispettare;

  • rendere l’ascolto piacevole per la propria audience;

  • prevenire situazioni di incomprensione e possibile imbarazzo;

  • gestire meglio il contatto col pubblico;

  • trasformare ciò che normalmente è considerato un difetto di pronuncia, in una potenzialità.

Il corso di Dizione e Fonetica Italiana Online di Cristiana Raggi è rivolto a coloro che, per motivi professionali o per desiderio personale, sentono il bisogno di:

  • parlare in modo corretto senza errori di pronuncia;

  • migliorare e perfezionare la pronuncia della lingua italiana;

  • imparare ad usare la voce correttamente liberandola da cattive abitudini ed inflessioni regionali;

  • togliere eventuali difetti di articolazione di alcune consonanti come la R e la S, rotacismo e zeppola;

  • avere una voce bella.

******************************************

Vuoi saperne di più su di me e sui miei corsi?

Digita “Cool - Cristiana Raggi” nella barra di ricerca di Youtube, troverai tanti tutorial e risorse gratuite dedicati alle tecniche del public speaking / parlare in pubblico e alla dizione.
E ancora corsi, esercizi, consigli per vincere la paura e la timidezza di parlare davanti ad altre persone: dagli amici, sino alle grandi platee. Ogni mese rispondo alle domande e dubbi degli iscritti con un video che entra nel programma del corso.

Iscriviti e non perdere nessun aggiornamento per capire come usare la voce al meglio, in ogni occasione.

Who this course is for:
  • Il corso è aperto a tutti e si rivolge a lavoratori di ogni categoria, studenti o semplici curiosi che hanno voglia di migliorare il proprio modo di esprimersi.
  • È un corso molto adatto anche agli stranieri che hanno già studiato la grammatica, anche di base. Chiunque voglia imparare a pronunciare bene la lingua italiana.
Course content
Expand all 62 lectures 07:06:01
+ Introduzione
4 lectures 04:39

Seguimi sulla pagina di Youtube!

Prima di iniziare il corso unisciti alla community di Youtube, così da ricevere nuovi contenuti gratuiti tutti i mesi! Nel canale troverai tantissimi tutorial su come fare a parlare in pubblico, piccolo o grande che sia: le tecniche del public speaking comprese quella della dizione e della fonetica, quindi a supporto del corso che stai per iniziare.

Cosa aspetti? Clicca sul link ⇒ shorturl.at/dglAU [canale Cristiana Raggi - Cool]


Cristiana

La comunicazione è Cool

Prima di tutto
00:17
Cosa imparerai
01:39

Qui disponibile la versione in ePub del libro quindi è un file leggibile da Google Book e Kindle. Ho trovato quest'articolo di Aranzulla che vi spiega come aprire il file [https://www.aranzulla.it/come-aprire-epub-19146.html]

La dizione e la fonetica italiana di Cristiana Raggi

Qui la scheda del libro su Amazon https://amzn.to/2HvjYRF e ti ringrazio se vorrai recensirlo.

Scarica il libro in ePub "La dizione e le fonetica italiana"
00:15
+ Prima tappa
6 lectures 52:15

Esercizio | Lettura iniziale

DURATA - 15 minuti

---

Ti chiedo di leggere questo testo di fronte ad una telecamera (del tuo cellulare per esempio) e di conservare il video fino alla fine del corso in modo da vedere le differenze che riuscirai a provocare in te stesso facendo questo corso.

Preview 02:10

I nostri polmoni

I polmoni sono gli organi che hanno il compito di ossigenare il nostro corpo, e occupano quasi tutto il torace dalle clavicole all'addome. Sono separati e sono divisi da uno spazio chiamato mediano, nel quale sono posti: il cuore, la trachea, l'esofago e molti linfonodi.

  1. il polmone destro è diviso in tre parti chiamate lobi ed è preposto alla parola,

  2. il sinistro ha due lobi ed è più piccolo perché cavo in corrispondenza del cuore.

I polmoni sono degli organi e sono sprovvisti di muscoli e da soli non possono compiere il movimento respiratorio (guardare immagine polmoni): di conseguenza perché esso avvenga altre parti del corpo devono attivarsi. come vedremo sotto.

Alla base del movimento respiratorio c'è un muscolo principale il DIAFRAMMA (guardare immagine diaframma) che è largo, sottile e piatto, ed è frapposto tra la zona toracica e la zona addominale come membrana divisoria. La funzione del diaframma ha una grande influenza sull’equilibrio posturale dell’intero organismo, rappresentando il fulcro della postura eretta, svolgendo un ruolo antigravitazionale.


Sviluppare e utilizzare il diaframma porta a dei notevoli e numerosi vantaggi di cui ne citeremo alcuni:

  1. essendo la respirazione più ampia incoraggia la diminuzione del ritmo cardiaco e l'aumento della resistenza all'affaticamento;

  2. migliora la postura;

  3. aiuta a gestire meglio l’emotività, incoraggiando una maggiore capacità di concentrazione e rilassamento;

  4. migliora i processi metabolici, e circolatori dell'intero organismo e migliora l'ossigenazione del sangue;

  5. utilissima durante il parto;

  6. tonificare la pancia e impedisce il ristagno di grassi;

  7. porta una maggiore quantità di sangue agli organi inferiori;

  8. aiuta l'evacuazione dell'intestino

  9. aiuta a ridurre i dolori cervicali e lombari

Queste sono solo alcuni vantaggi, si potrebbe essere ancora più specifici osservando il tutto con un occhio medico o sportivo. Basti sapere che l'utilizzo del diaframma agevola molte funzioni positive corporee, sia per la salute che per lo sport ed è fondamentale nella gestione dello stress e delle emozioni. Tutto questo semplicemente introducendo un uso consapevole del diaframma. Incredibile vero! Basta così poco :)

Bisogna sapere che l'uomo ha a disposizione tre tipi di respirazione: addominale, toracica e apicale.

ADDOMINALE | diaframmatica o vegetativa |

questa è la più importante, perché è:

  • quella naturale;

  • quella che coinvolge maggiormente il diaframma (circa il 70% del volume respiratorio);

  • utilizzata dal nostro corpo autonomamente quando dormiamo (quindi se soffriamo d'insonnia il lavoro sulla respirazione può essere utilissimo);

  • la respirazione tipica dei bambini, quindi la più sana con la quale nasciamo e che poi con l'andare del tempo perdiamo.

Importante quindi ripristinare la corretta respirazione, con una rieducazione respiratoria come illustrato nel video di questa lezione e in quelli successivi della materia Vocalità.

TORACICA | di petto |

le sue caratteristiche sono:

  • impegna i muscoli intercostali;

  • fornisce ossigeno nella parte centrale dei polmoni;

  • favorisce l'elasticità della cavità toracica;

  • molto utile nella fase espiratoria per la gestione dell'atto vocale.

APICALE | clavicolare |

le sue caratteristiche sono:

  • impegna i muscoli delle spalle;

  • respirazione che rimane nella parte alta del torace ed impiega in minima parte il diaframma;

  • tipica respirazione che segnala un'attivazione fisica, psicologica od emotiva;

  • non dovrebbe essere utilizzata per troppo tempo, dato che non è completa e non soddisfa la richiesta totale di ossigeno che richiede il corpo.

Possiamo comunque sopravvivere con questa respirazione, nella mia pratica da Coach ho incontrato molte persone che vivevano praticamente utilizzando per la maggior parte del tempo questa respirazione. Sottolineo che è possibile riappropriarsi di una corretta respirazione, anzi personalmente lo considero un bene di primaria importanza, accessibile a tutti.


-------------------------------------------------------

Articoli suggeriti:

https://www.ryakos.it/importanza-del-muscolo-diaframma/

https://www.selfcoherence.com/blogs/no-stress-blog/respirazione-diaframmatica

https://www.lascienzainpalestra.it/respirazione-diaframmatica-vantaggi/

https://www.atuttoyoga.it/respirazione-diaframmatica/

https://www.my-personaltrainer.it/allenamento/respirazione-body-building.html

Preview 26:13
Vocalità | Pratica - Esercizi di respirazione
10:13
Esercizio | Depositare i respiro
00:12

Di seguito alcuni scioglilingua da leggere nei seguenti modi:

  1. aumentando tantissimo l'articolazione delle vocali

  2. allungando ogni vocale

  3. restringendo ogni vocale


Ecco di seguito le frasi:

  • Eva dava l'uva ad Ava, Ava dava l'uva ad Eva

  • Andavo a Lione, cogliendo cotone, tornavo correndo, cotone cogliendo

  • Li vuoi quei kiwi? E se non vuoi quei kiwi che kiwi vuoi?

  • Ciò che è, è; ciò che non è, non è; ciò che è, non è ciò che non è; ciò che non è, non è ciò che è


Di seguito anche alcuni tautogrammi, tra parentesi la fonte (https://www.culturaesvago.com/giochiamo-con-le-parole/tautogrammi/):

A

Aprendo animo ancor adesso, anche anzianotta, ammetto attendere. Ardente amore. Amoroso affetto.  Accoglierò amorevolmente accondiscendente.  Aumenterà autostima.  Almeno amicizia, altrimenti, amareggiata,  afflitta, addolorata, appassita, affogherò aspirazioni abbuffandomi abbondantemente

Avvenente americano affascinò Alice, adolescente attraente; ammirò, apprezzò, appetì, armeggiò.  Alice ascoltò amorevoli accenti; anelò amore ardente, appassionato; aspirò ad accasarsi, ambiva all’altare.  Ambiguo avventuriero, adulandola astutamente, adescò Alice attirandola all’alcova, abbandonandola alfine addolorata afflitta.

E

Ermete, erudito editore enciclopedico, esclamò entusiastico elogiato epigramma eptasillabo.

Elucubrando eccessive emozioni. Ecco emicrania

I

Impossibilitato interrogare inquisiti ignoranti, inflessibile ispettore inglese impostava indovinelli interpretando illustrazioni.

Impenitente istrione illudeva ingenua innamorata imbarazzandola indovinelli impuri.

O

ggi obbedirò, ossequiosa omaggerò onesti ospiti, oggi obbligata oculata obbediente-ottengo onori

U

Unificate uomini ubriachi, ugole urlanti, udirete ultrà unanimi ululare: – Umiliateli! – Uccideteli! Undici uomini ubbidiranno, urtando undici uomini ugualmente umidi. – Urrà!

Fonetica | Teoria e Pratica - Le vocali
00:54

Dizione | Teoria - Basi di grammatica

LE BASI GRAMMATICALI

Per un approfondimento esaustivo e completo rimandiamo al libro - di cui suggeriamo lo studio di tutta la parte di Fonetica, mentre per una lettura veloce suggeriamo questa lezione.

---

Partiamo dalla definizione delle tre categorie di discipline che stiamo studiando insieme.

Cos'è la fonetica: è la branca della linguistica che studia la produzione e la percezione dei suoni linguistici – foni – e le loro caratteristiche. I quattro principali ambiti della ricerca della fonetica descrittiva sono:

  1. la fonetica articolatoria o fisiologica che descrive il processo di produzione dei suoni linguistici, riferendosi agli organi preposti alla fonazione (i quali nel complesso prendono il nome di “apparato fonatorio”), della loro fisiologia, ovvero del processo di fonazione, e dei criteri di classificazione.

  2. La fonetica acustica che descrive le nell'aria caratteristiche fisiche dei suoni linguistici e la loro propagazione nel mezzo, in questo caso nell'aria.

  3. La fonetica uditiva cioè lo studio di come i suoni linguistici vengano percepiti dall'apparato uditivo umano.

  4. La fonetica sperimentale o strumentale cioè lo studio della produzione dei suoni linguistici attraverso l'utilizzo di determinati strumenti, ad esempio del sonografo (= Apparecchio in grado di esplorare gli organi interni del corpo umano attraverso la visualizzazione dell'eco di ultrasuoni).

La nostra, cioè quella in oggetto di studio è l’articolatoria o fisiologica.

Cos'è la dizione: è il modo in cui vengono pronunciate le parole. Normalmente comprende oltre alla ortoepìa (corretta pronuncia di una lingua) anche l'insieme dei meccanismi che compongono la fonetica articolatoria.

Cos'è la vocalità: è il modo in cui viene usata la voce, per cui strettamente connessa alla respirazione e alla voce diaframmatica.

---

Proseguiamo con un'altra serie di definizioni

  1. Sillaba tonica: è quella pronunciata con maggiore intensità rispetto alle altre che compongono una parola.

  2. Sillaba atona: è quella su cui non cade l'accento tonico (= senza tono, senza accento) per cui per definizione le vocali di queste sillabe sono sempre chiuse.

  3. Vocale tonica: cioè della sillaba tonica

  4. Accento tonico: cioè della vocale tonica - è quel nucleo vocalico accentato con una maggiore emissione di fiato. Diventa grafico solo quando questo cade sull'ultima sillaba (città), quando si vuole fare intendere il significato (balìa, bàlia), nel passato remoto (capitò) o nel futuro (capirò), il segno grafico che faremo sulla parola prende il nome di Accento grafico o semplicemente Accento.

  5. Accenti fonici: possono essere di due tipi, grave o aperto (tòlto, adèsso) altrimenti acuto o chiuso (dizióne, ménte)

Prendiamo ad esempio questa parola: FISIOLOGICO

Vedremo le sue sillabe atone: / fi - sio - gi - co / le cui vocali atone sono per definizione chiuse. La sua sillaba tonica: / lo /  è dotata di vocale tonica e può avere un accento grave o acuto, in questo caso grave lò.

IMPORTANTE RIPETO!!! IN UNA PAROLA SOLAMENTE LA VOCALE TONICA HA UN ACCENTO APERTO - è - O CHIUSO - é - LE VOCALI ATONE SONO SEMPRE CHIUSE.

---

In base a dove cade l'accento posso definire:

  1. Parole tronche: cioè quando l'accento tonico cade sull'ultima sillaba - capacità, dignità, facoltà, falò, tabù, verità, perché...

  2. Parole piane: cioè quando l'accento tonico cade sulla penultima sillaba - amóre, carrièra, dolóre, piède

    dal libro "La dizione e la fonetica italiana" di Cristiana Raggi

  3. Parole sdrucciole: cioè quando l'accento tonico cade sulla terzultima sillaba - disdidévole, odiàbile, vèdono

    dal libro "La dizione e la fonetica italiana" di Cristiana Raggi

  4. Parole bisdrucciole: cioè quando l'accento tonico cade sulla quartultima sillaba - verìficano, diciàmoglielo, méttitelo, chièdimelo, véndimelo

  5. Parole trisdrucciole: cioè quando l'accento tonico cade sulla quintultima sillaba: rècitamelo, làcrimevole, semplìficamelo, òccupatene, aùguraglielo

---

Possiamo avere un dittongo o uno iato a seconda che l'accento tonico cada su una vocale forte o dura (a, è, è, ò, ó) oppure debole o molle (i, u). Per gli approfondimenti vi suggeriamo di studiare direttamente sul libro.

Importante appena si legge una parola di cui si vuole sapere la pronuncia è quindi stabilire dov'è l'accento, e su che vocale cade - quella e solo quella potrà essere o aperta o chiusa (se è un eo una o).


ESERCIZIO

Dopo aver letto il testo sopra e visto il video ti chiedo di svolgere questo esercizio che consiste nell'indicare nel testo allegato tutte le vocali toniche (sottolineandole o mettendo un puntino sotto). Una volta completato l'esercizio, controllare poi la soluzione.

Dizione | Teoria e Pratica - Basi di grammatica
12:32
+ Seconda tappa
6 lectures 55:19
Vocalità | Teoria - Il diaframma
14:14
Vocalità | Pratica - Esercizi di potenziamento del diaframma
18:04
Fonetica | Pratica - Esercizi di articolazione per le labbra
10:55

Suggerisco la visione del video "Le due labiali B e P" su Youtube

Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti labiali B e P
00:03
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti labiodentali V e F
00:03
Dizione | Teoria e pratica - I dittonghi
12:00
+ Terza tappa
8 lectures 56:29
Vocalità | Teoria - Il diaframma pelvico
08:40
Vocalità | Pratica - Esercizi di potenziamento del diaframma pelvico
12:40
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguo-palatali D e T
00:03
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguo-palatali S
00:03
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguo-palatali Z
00:03
Fonetica | Pratica - Esercizi di articolazione per la lingua
08:06
Dizione | Teoria - Pronuncia dei pronomi, articoli, congiunzioni e preposizioni
23:42
Dizione | Pratica - Mettere gli accenti nel testo
03:11
+ Quarta tappa
7 lectures 42:21
Vocalità | Teoria e Pratica - 1° parte - La voce diaframmatica
07:13
Vocalità | Teoria e Pratica - 2° parte - La voce e i Volumi
18:51
Vocalità | Pratica – Al Pacino e Charlie Chaplin
00:53
Fonetica | Pratica - Esercizi di articolazione per la mandibola
04:16
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguopalatali C e G
00:03
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguopalatali Ch e Gh
00:03
Dizione | Teoria - 1° parte - La pronuncia dei verbi
11:01
+ Quinta tappa
6 lectures 43:28
Vocalità | Teoria e Pratica - La voce e i Ritmi
18:36
Vocalità | Pratica – Danny De Vito e Meryl Streep
00:39
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguoalveolari R e L
00:03
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti linguoalveolare N e labiale M
00:03
Fonetica | Pratica - Esercizi di sillabazione (sillabe semplici)
08:51
Dizione | Teoria - 2° parte - La pronuncia dei verbi
15:16
+ Sesta tappa
5 lectures 43:51
Vocalità | Teoria e Pratica - La voce e i Risonatori
13:06
Vocalità | Pratica – Tim Roth e Nicole Kidman
00:33
Fonetica | Teoria - La pronuncia delle consonanti secondo il MODO
16:22
Fonetica | Teoria - La pronuncia del digramma GL
00:03
Dizione | Teoria - 3° parte - La pronuncia dei verbi
13:47
+ Settima tappa
5 lectures 33:55
Vocalità | Teoria e Pratica 1° parte - Abbinamento di due categorie vocali
09:16
Vocalità | Teoria e Pratica 2° parte - Abbinamento di due categorie vocali
09:11
Vocalità | Teoria e Pratica 3° parte - Abbinamento di due categorie vocali
05:21
Fonetica | Teoria - La pronuncia del digramma SC
00:03
Dizione | Teoria - Le regole per la pronuncia della ESSE
10:04
+ Ottava tappa
5 lectures 19:40
Introduzione | Il metodo di applicazione nella quotidianità delle regole
01:36
Fonetica | Teoria - La pronuncia del digramma GN
00:03
Fonetica | Teoria 1° parte - La voce nasale
07:53
Fonetica | Teoria 2° parte - La voce nasale
02:19
Dizione | Teoria - Le regole per la pronuncia della ZETA
07:49
+ Nona tappa
5 lectures 44:25
Vocalità | Teoria e Pratica 1° parte - Abbinamento di tre categorie vocali
08:47
Vocalità | Teoria e Pratica 2° parte - Abbinamento di tre categorie vocali
07:45
Vocalità | Pratica - Potenziamento vocale
13:20
Fonetica | Pratica - Esercizi di sillabazione (sillabe complesse)
07:08
Fonetica | Pratica - Esercizio di articolazione
07:25