Come Vivere in Armonia Metodi per stare bene con noi stessi
5.0 (2 ratings)
Course Ratings are calculated from individual students’ ratings and a variety of other signals, like age of rating and reliability, to ensure that they reflect course quality fairly and accurately.
5 students enrolled

Come Vivere in Armonia Metodi per stare bene con noi stessi

I Segreti essenziali per creare la vita che vuoi partendo da te stesso
5.0 (2 ratings)
Course Ratings are calculated from individual students’ ratings and a variety of other signals, like age of rating and reliability, to ensure that they reflect course quality fairly and accurately.
5 students enrolled
Created by Carlo Lesma
Last updated 3/2020
Italian
Current price: $13.99 Original price: $19.99 Discount: 30% off
5 hours left at this price!
30-Day Money-Back Guarantee
This course includes
  • 1 hour on-demand video
  • 1 downloadable resource
  • Full lifetime access
  • Access on mobile and TV
  • Certificate of Completion
Training 5 or more people?

Get your team access to 4,000+ top Udemy courses anytime, anywhere.

Try Udemy for Business
What you'll learn
  • Meditazione, strategie per meditare e per trovare risposte dentro se stessi
  • Esercizi pratici per trovare l'armonia in se stessi e negli altri
Requirements
  • Ogni persona può partecipare a questo video corso
Description

In questo corso online “L’Arte di Vivere in Armonia:  strategie essenziali per vivere in armonia con se stessi e gli altri imparerai le migliori strategie per vivere in armonia con noi stessi, non significa cambiare vita, e rivoluzionare la nostra esistenza, ma significa, ritornare dentro di noi per creare e ricercare la vita che desideriamo creare, partendo da quello che abbiamo e imparando che attraverso il nostro potere personale riusciremo a dirottare i nostri pensieri in azioni concrete.

Perchè scegliere questo corso?

Questo corso è adatto a tutte quelle persone che vogliono scoprire il proprio potenziale interiore, da mettere in pratica in tutte le aree della nostra vita, dallo studio, al lavoro, nello sport, nelle relazioni e nella salute. Seguendo ogni singola lezione troverai degli esercizi pratici da fare subito con estrema facilità e sentirai nell’immediato i benefici dal fisico alla mente, se pensi bene siamo creati per la maggior parte del nostro corpo di acqua, se impariamo a innalzare il livello di energia interiore e comprendiamo come portare questa energia al di fuori noi stessi, possiamo creare davvero quello che vogliamo.

Con questo corso online “L’Arte di Vivere in Armonia: strategie essenziali per vivere in armonia con se stessi e gli altri potrai scoprire come essere in equilibrio con le tue idee, intuizioni e decidere come agire evitando di commettere alcuni errori che molto spesso si fanno quando vogliamo cambiare vita, oppure reagire alla nostra parte emotiva. Si molto spesso abbiamo delle emozioni forti che ci inducono a comprendere che siamo sulla strada giusta, può essere, ma se conosciamo noi stessi e comprendiamo la qualità dei nostri pensieri, è da li che potrai iniziare a portare concretezza nella tua vita di tutti i giorni, portando a termine i tuoi sogni, desideri e obiettivi. In queste lezioni imparerai passo dopo passo a formare la tua forza interiore dando potere alle tue idee e attualizzando alcune dinamiche che le farai tue giorno per giorno.

Comprenderai come fare scelte efficaci e come prendere delle decisioni utili al tuo progresso personale, puoi avere un mezzo potente da guidare ma se non sai gestirlo e non conosci i suoi punti deboli è molto probabile che non riuscirai a portarlo alla velocità massima, qui imparerai come accelerare fino al fondo scala, senza farti male e riuscirai ad avere il massimo controllo del tuo potere personale. Alla fine delle lezioni potrai essere completamente consapevole di come mettere in pratica le tue intuizioni e comprenderai quali sono quelle giuste da quelle create dalla nostra mente. Molto spesso si parla molto di evoluzione personale, di crescita, conoscenza, miglioramento, di successo e ricchezza, ma se non conosciamo bene noi stessi e non conosciamo quali sono i segreti per stare in armonia con noi stessi, sarà molto difficile evolvere, anzi è molto probabile che restiamo fermi al punto iniziale.

Cosa imparerai con questo corso?

Imparerai l’arte di gestire il tuo stato d’animo per fare scelte e prendere le giuste decisioni nella vita e nel lavoro, Conoscerai come funziona il nostro pensiero e come attraverso il nostro linguaggio interiore come possiamo influenzare e negoziare la vita di tutti giorni, Scoprirai come fare da solo la meditazione più funzionale alla tua ricerca interiore e comprenderai come vivere momenti eccellenti nella quotidianità; Comprenderai come attraverso il respiro troverai l’equilibrio fisico e mentale in modo istantaneo, Troverai idee e intuizioni di come trovare le risposte giuste dentro di te e saprai decodificare i messaggi che arriveranno attraverso i tuoi simboli e sensazioni che risuonano dentro di te.

​Ti Auguro di realizzare i Tuoi Sogni

www.carlolesma.info

Who this course is for:
  • questo corso è adatto a tutte le persone che vogliano trovare risposte dentro se stessi e nel utilizzo delle strategie per vivere in armonia con se stessi e con gli altri
Course content
Expand 12 lectures 01:13:14
+ Introduzione
12 lectures 01:13:14

Il silenzio è la forma più alta della parola; comprenderlo è la forma più alta dell’essere umano.(EliSaby)


Quando siamo in una fase rivolta al processo decisionale oppure quando vogliamo dimenticare qualche evento una delle fasi più importanti in merito alla relazione che abbiamo con noi stessi e con il mondo circostante è il silenzio. Stare nel silenzio con noi stessi significa ascoltarci e ascoltare e accogliere le nostre emozioni.

Oggi prova a stare nel tuo silenzio evita di parlare con tutti di ogni singola cosa, cerca la tua riservatezza.

Preview 04:54

Non inquinare – i pianeti buoni sono difficili da trovare. (Anonimo)

Lo spazio fisico contribuisce alla concentrazione dell'alunno e il controllo di queato spazio è una delle precauzioni che lo studente deve prendere. Alcuni aspetti importanti per avere un buon ambiente di studio sono:

  • La ventilazione del locale.

  • La combinazione di luce naturale e artificiale indiretta-diretta.

  • Il livello di rumore.

  • La musica, come forma di rilassamento, può contribuire a rendere un ambiente particolarmente favorevole all'apprendimento.

Lo studente deve essere consapevole dell'importanza di studiare sempre nello stesso posto, che può essere la propria stanza, la sala da pranzo della casa o la biblioteca. L'importante è che si tratti di un luogo che faciliti la concentrazione e nel quale egli abbia a sua disposizione tutto il materiale necessario per lo sviluppo del proprio lavoro: computer, libri di testo, appunti, documenti, penne, evidenziatori.

Preview 02:45

Metà della popolazione mondiale è composta da persone che hanno qualcosa da dire ma non possono.L’altra metà da persone che non hanno niente da dire e continuano a parlare.

(Robert Frost)

Per comunicare nel modo migliore occorre essere se stessi. Ci sono occasioni in cui comunicare bene, usare le parole giuste con gli altri o con se stessi può modificare radicalmente il modo in cui siamo percepiti o in cui stiamo con noi stessi. È quindi importante anzitutto imparare a osservare bene il nostro modo di comunicare, per notarne gli errori e prendere contatto con "le parole giuste" che stanno da sempre dentro di noi, quelle che esprimono il nostro vero essere e che ci faranno comunicare ciò che vogliamo in modo preciso e diretto.

Preview 04:18

Non pensare troppo a chi ti ha fatto soffrire. Così è la vita… Impara piuttosto a non farti più fregare. Perchè bisogna seguire il cuore, sì… ma senza spegnere il cervello

(Vasco Rossi)

In ogni percorso evolutivo, prima o poi, si arriva ad un punto dove si comprende l’importanza del pensiero, perché si diventa sempre più consapevoli del suo potere. Allora si inizia, sempre più, ad assumersi la piena responsabilità della propria vita.

Immagina che la realtà sia uno specchio: quello che hai dentro lo proietti e ti ritorna indietro. Il problema è che la maggior parte dei pensieri è nell’inconscio, quella parte che risiede profondamente dentro di noi.

Le nostre credenze e le nostre convinzioni profonde, che sono radicate nell’inconscio, condizionano la nostra vita. Ma la buona notizia è che possiamo trasformarle (se vogliamo!).

Se iniziamo a diventare più consapevoli e a conoscere profondamente noi stessi, inizieremo a cambiare automaticamente le credenze e le convinzioni limitanti radicate dentro di noi.
Sia attraverso un percorso più spirituale, piuttosto che uno più scientifico, alla fine comprenderemo il messaggio più importante: è la coscienza che genera il pensiero e quindi la materia.

Dai maestri spirituali alla fisica quantistica

Dagli insegnamenti del Buddha alle scoperte della fisica quantistica il messaggio è chiaro e dirompente: il pensiero genera la materia. Per cui, la realtà che viviamo non è qualcosa di esterno e scollegato da noi, piuttosto è vero il contrario: la realtà è un riflesso della mente.

Capirai quindi quanto è importante riuscire a trasformare i propri pensieri per cambiare la realtà che ci circonda. Possiamo modificare letteralmente la realtà attuale che viviamo, proiettando una “nuova realtà” che creiamo consapevolmente dentro di noi.
Quando ne diventi consapevole, inizi a stare molto attento a quello che pensi e a come re-agisci alle situazioni che vivi.

Allora, prima inizieremo il lavoro su di noi per cambiare modo di pensare, prima riusciremo a trasformare la nostra vita. Ma come prima cosa bisogna diventare consapevoli del proprio potere.

Vivere in Armonia- Il pensiero crea la tua realtà
03:25

Il respiro è il ponte che collega la vita alla coscienza, che unisce il corpo ai nostri pensieri. Ogni volta che la vostra mente si disperde, utilizzate il respiro come mezzo per prendere di nuovo in mano la vostra mente

(Thich Nhat Hanh)

Recenti studi medici hanno dimostrato che le emozioni sono direttamente legate al respiro: alterando il tipo di respirazione variamo la composizione chimica del nostro sangue e modifichiamo emozioni e stato d’animo.

I benefici del breathwork, ovvero il lavoro col respiro, sono enormi e sempre più riconosciuti dalla scienza moderna:
il respiro consapevole e la volontà infatti possono essere usati in ogni momento per bilanciare la propria energia, rilasciare la tensione e l’ansia, migliorare la concentrazione mentale e la propria vitalità, affrontare una sfida, liberare la propria creatività.

Questo è solo uno dei modi in cui il potere di una respirazione consapevole agisce su di noi, per questo motivo il Breathwork, sta molto a cuore a Nicola e me!

Nel corso degli anni e dei tantissimi corsi di Life Breath® (il nostro metodo di Breathwork, che abbiamo messo a punto in 20 anni di studio e pratica) che abbiamo tenuto, abbiamo visto innumerevoli persone ottenere straordinari benefici in modo semplice e veloce.

Inoltre vari studi dimostrano che:

• il 75% delle tossine che assumiamo ogni giorno sono rilasciate attraverso la respirazione consapevole;
• pazienti malati di cuore che hanno imparato la respirazione diaframmatica hanno influito sensibilmente in modo positivo sulla salute dei loro cuori;
• la respirazione consapevole può essere usata per dar sollievo all’ipertensione e all’ansia.

Una respirazione profonda e piena esegue un vero e proprio massaggio e tonifica gli organi interni e i muscoli addominali ma, in aggiunta ai benefici fisici, specifiche tecniche di respirazione possono essere utilizzate anche per dare sollievo alle sofferenze emotive.

Il 90% delle persone limita la propria respirazione, trattenendo il respiro per evitare di fare l’esperienza di sentimenti spiacevoli.

In questo modo neutralizziamo i nostri sentimenti, che vengono repressi e immagazzinati nel subconscio. Per reprimere questi sentimenti (letteralmente “tenersi tutto dentro”) consumiamo un’enorme quantità d’energia e creiamo nei nostri corpi una tensione cronica.

Il fisico è privato da un vitale elemento energetico, ovvero del potere del respiro.

Diventa quindi semplice immaginare come, lavorando sul respiro per “liberare” le nostre emozioni represse, possiamo risolvere traumi di lunga data, superare i nostri limiti e fare l’esperienza di una consapevolezza piena di gioia.

Dopo aver sciolto le restrizioni subcoscienti abbiamo via libera per collegarci con l’Anima.

Ma come iniziare subito questo cammino di gioia e potere?

Scopriamo il..

Decalogo del respiro:10 passi che ti permetteranno di portare il potere del respiro subito nella tua vita.

1. Porta l’attenzione al tuo respiro: ascoltalo. Puoi farlo in qualsiasi momento della giornata, anche se sei occupato in altre cose.

2. Approfondisci la tua inspirazione: fai almeno 5 respiri profondi (meglio 10). Puoi farlo in qualsiasi momento della giornata, anche se sei occupato in altre cose.

3. Quando respiri più profondamente, fallo in modo rilassato: non occorre che tu ti sforzi.

4. Quando respiri più profondamente, espira in modo rilassato: non buttare fuori l’aria, lascia che esca naturalmente.

5. Non fare pause/apnee tra inspirazione, espirazione, inspirazione, eccetera: crea un flusso costante e rilassato di entrata e uscita dell’aria.

6. Se inspiri dal naso, espira dal naso; se inspiri usando la bocca, espira dalla bocca: è diverso da quello che ti hanno insegnato, ma così ha effetti più salutari.

7. Respira immaginando che la tua gabbia toracica sia una fisarmonica: si “apre” quando inspiri, si “chiude” quando espiri.

8. Respira a ritmo: usa un ritmo lento, se ti vuoi rilassare; usa un ritmo più veloce, se ti vuoi ricaricare.

9. Se hai uno stato d’animo poco piacevole (tristezza, disagio, ansia, nervosismo, preoccupazione o altro), espira immaginando che quello che provi “esca” e inspira immaginando che entri, insieme all’aria, gioia, tranquillità, pace, relax.

10. Trova almeno 10 minuti al giorno da dedicare a te stesso e al tuo respiro in completa tranquillità: per 10 minuti, stando disteso, respira pienamente e permetti che tutto il tuo corpo respiri, riposandosi e rigenerandosi.

Vivere in Armonia- Trova l'armonia attraverso il tuo respiro
03:59

Meditazione vuol dire mettere la mente in disparte, così che non interferisca più con la realtà e tu possa vedere le cose per ciò che sono.

(Osho)

La meditazione è un riconoscimento del divino che c’è all’interno di ciascuno di noi. Meditare significa fare uno sforzo cosciente per controllare e dirigere il processo del
pensiero. I pensieri sono cose così delicate e tuttavia la loro qualità influenza l’intera natura delle nostre vite. La meditazione è un tappeto magico con cui possiamo viaggiare
attraverso i paesaggi del nostro mondo interiore e scoprire le meraviglie del nostro Sé elevato. Ci porta al di là della maschera.

La meditazione non è solo pensare; è contemplazione volutamente diretta verso un obiettivo di valore. Nella meditazione, la consapevolezza e i sentimenti sono fattori altrettanto significativi che danno forma all’esperienza. Praticata con conoscenza e comprensione, la meditazione porta alla realizzazione di verità eterne. Una delle prime esperienze è la pace della mente. Quando la mente è sotto controllo i pensieri sprecati, che utilizzano più dell’80% della nostra energia mentale, sono eliminati. E a mano a mano che aumentano la chiarezza e il potere mentale, emergono abilità
come la creatività, la concentrazione e buona capacità di giudizio. La realizzazione dei nostri poteri calma ulteriormente la mente e instilla fiducia nel processo. Continuiamo a innaffiare i fiori
delle nostre virtù prestando loro attenzione. Diamo spazio alle qualità che desideriamo sviluppare in modo da farle fiorire con gioia ed entusiasmo per portare pace e supporto nelle vite di coloro con cui entriamo in contatto.

Vivere in Armonia- la meditazione come strumento per vivere in armonia
04:26

Per essere davvero equilibrati e sereni è indispensabile che ciò che si fa sia realmente quello che si vuole e non quello che vogliono gli altri.

(Lorenzo Licalzi)

Spesso crediamo di dover percorrere grandi distanze alla ricerca di quello a cui ambiamo; desideri o necessità che riteniamo fondamentali per la nostra felicità. È così che ci lanciamo nella ricerca con grande entusiasmo. Andiamo avanti con la speranza di trovare la soluzione al nostro conflitto interiore, la soluzione per spiegare cosa ci succede. Ma in questo percorso non ci rendiamo conto che cerchiamo fuori ciò che, invece, dovremmo cercare dentro di noi.

Presi dalla disperata necessità di trovare quello che desideriamo, non ci accorgiamo che in realtà è molto più vicino di quello che pensiamo. Percorriamo grandi distanze, accumulando una frustrazione altrettanto grande, e raggiungiamo un luogo in cui veniamo sopraffatti dall’angoscia e il malessere.

Solo allora capiamo che cercare fuori la soluzione al nostro conflitto interiorenon solo è una perdita di tempo, ma può anche essere pericoloso per la nostra salute mentale. Per evitarlo, possiamo mettere in atto alcune strategie. Ed è proprio a queste che dedichiamo l’articolo di oggi.

“Cercare fuori quello che abbiamo dentro è come iniziare un viaggio senza meta, e perderci senza renderci conto del valore di quello che abbiamo vicino.”

Mentre cerchiamo là fuori la soluzione al conflitto interiore ci dimentichiamo di noi stessi

La tentazione di cercare fuori ciò che a prima vista non vediamo dentro di noi è molto forte. Tanto forte quanto perversa. È così che ci dimentichiamo chi siamo; siamo così occupati a cercare là fuori da dimenticare quello che abbiamo dentro. Ovvero, la nostra essenza.

Così facendo, la nostra immagine appare sfocata e smettiamo di identificarci con le nostre azioni. Ci trasformiamo in pura disperazione, che non vogliamo includere nella nostra definizione. È inutile cercare fuori quello che, in un momento passato, abbiamo assimilato e imparato. Esperienze che abbiamo fatto nostre in un momento diverso della nostra vita.

Ignorare questo fatto ci porta ad allontanarci da chi siamo, pertanto ad allontanarci dai nostri obiettivi, facendo sfumare i nostri desideri, assumendo in modo acritico le aspettative che gli altri ripongono in noi e usandole come unico metro di giudizio.

Come cambiare questa cattiva abitudine?

Ricercare all’esterno la soluzione ai nostri conflitti interiori ci allontana anche dalle persone che amiamo. A volte pensiamo che la felicità sia possedere grandi cose, e perdiamo di vista i piccoli dettagli. Dare valore a ciò che abbiamo ci aiuta a scoprire i tesori più vicini.

A volte, inoltre, vediamo negli il meglio e in noi solo il peggio, un altro modo per cercare al di fuori ciò che in realtà abbiamo dentro. Anche noi abbiamo qualità e virtù ed è importante prenderne coscienza e non ignorarle. In caso contrario, saremo molto ingiusti con noi stessi quando ci soffermeremo a fare un bilancio della nostra vita. È dunque fondamentale non dimenticare mai chi siamo.

Esistono alcuni modi per combattere la tendenza a cercare al di fuori la soluzione nostri conflitti interiori. Osservate questi esempi:

  • Non basiamoci sulle opinioni altrui. Ciò che pensano gli altri è importante, ma non certo l’unico aspetto su cui dobbiamo concentrarci. Spesso concediamo a queste opinioni uno spazio troppo grande, rischiando di soffrire inutilmente.

  • Dare importanza ai piccoli dettagli. Dare il giusto valore a ciò che abbiamo e ammettere che abbiamo un grande tesoro. Questo ci aiuta a non perdere di vista ciò che desideriamo davvero.

  • Imparare dalle nostre esperienze. Conoscersi a fondo aiuta a capire ciò che vogliamo e qual è la nostra vera felicità. In questo modo, possiamo perseguire i nostri obiettivi senza perdere tempo in ricerche sterili.

  • Accettarsi e apprezzarsi. Significa dare valore, affetto e importanza al modo in cui trattiamo noi stessi. Convincerci che siamo capaci di ottenere grandi cose. Concentrarci su chi siamo e cosa hanno gli altri ci allontana da noi stessi. E tutto questo ha un effetto sulla nostra autostima.

Ma attenzione, confrontarsi con il mondo esterno non è sempre negativo. Se facciamo attenzione a ciò che critichiamo negli altri, potremmo notare riflessi alcuni elementi che si applicano anche a noi stessi. Talvolta, infatti, proiettiamo sugli altri quello che succede a noi. È un semplice meccanismo di difesa.


I benefici della ricerca interiore

Per trasformarci, sbocciare e smettere di tarparci le ali, è fondamentale abbandonare questa ricerca sterile. Dentro di noi sono già presenti quelle qualità che ci serviranno per affrontare la vita, con i suoi ostacoli e i suoi momenti felici. Quando smetteremo di cercare fuori la soluzione al nostro conflitto interiore, noteremo un grande beneficio. Eccone alcuni esempi:

  • Armonia. Sentirsi in sintonia con la nostra essenza trasmette una sensazione di tranquillità. È così che ci avviciniamo a ciò che desideriamo e intraprendiamo una ricerca assertiva.

  • Auto-conoscenza. Cercare dentro di noi ci permette di conoscerci meglio.

  • Assertività. Volgendo lo sguardo verso il nostro Io interiore, scenderemo dal piedistallo su cui ci pongono gli altri, ci lasceremo alle spalle i pregiudizi e instaureremo relazioni più sane.

Quando cerchiamo fuori quello che in realtà abbiamo dentro ci allontaniamo da noi stessi, addentrandoci sulla scivolosa strada della perdita dell’autostima. È così che mettiamo in pericolo la nostra salute mentale. Non dimentichiamo mai che l’autostima è come il sistema immunitario della nostra vita psichica.

Guardare sempre fuori, come atteggiamento di base, ci condanna a essere barche alla deriva. Per avere una vita armoniosa, non c’è niente di meglio che usare tutta la conoscenza che abbiamo di noi stessi, attraverso quello che abbiamo imparato e che ci hanno trasmesso gli altri. Partire da qui, da quest’informazione che è già passata attraverso i filtri critici.

Allontanarsi da se stessi, allontanarsi dalla propria felicità.

Vivere in Armonia- Trova la soluzione ricerca interiore
05:17

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere.

(Dalai Lama)

Il momento presente (o “Hic et Nunc” – come dicevano i latini) è l’unico momento reale che esiste. ORA è un eterno momento, inafferrabile, poiché un attimo prima è passato e un attimo dopo non c’è ancora, QUI sei tu.

In questo “presente” possiamo vivere la nostra vera natura e comprendere che è l’unico momento per scoprire chi siamo veramente.

In questo momento di presenza, sarà possibile realizzare che non siamo “colui che pensa”, dal momento che possiamo osservarlo. Se possiamo esserne il testimone, significa che non siamo quello – e da qui inizia il risveglio, poiché comprendiamo che siamo molto di più del nostro corpo e della nostra mente.

Allora chi siamo veramente?
Siamo i registi, gli attori e gli spettatori del nostro film, contemporaneamente! Siamo spirito, siamo coscienza – o come dice Tolle – siamo l’ampio spazio in cui tutto accade.

Lo stato di presenza è l’illuminazione

La presenza è uno stato che non può essere afferrato con la mente o compreso. Lo stato di presenza affiora quando la mente è tranquilla e l’attenzione è incentrata sull’Adesso, nel “qui e ora”.

Riacquistare la consapevolezza dell’Essere e dimorare in quello stato di «realizzazione intuitiva» è l’illuminazione.

L’illuminazione è uno stato naturale nel quale la coscienza è risvegliata dall’illusione della separazione, uno stato di connessione con l’Essere dove non c’è più dualità.

In questo stato di presenza, non si è più identificati con la mente, è non si divaga più nel passato o nel futuro ma l’attenzione è presente solo nel qui e ora.
La realizzazione che non siamo la nostra mente è l’inizio della libertà in cui si attiva uno stato di coscienza superiore. Allora cominci a renderti conto che c’è molto di più del pensiero, un vasto spazio al di là della mente, in cui tutto accade.

E’ uno spazio interiore in cui percepisci che tutto accade prima dentro di te e poi si manifesta nella “realtà” esterna a te.

I tuoi peggiori nemici: l’ego e la paura

Fino a che si è identificati con la mente, l’ego gestisce la nostra vita. Tuttavia l’ego è vulnerabile e insicuro e si vede continuamente minacciato, per questo nasce in noi l’emozione della paura.

La paura si può manifestare in varie forme: paura della perdita, paura del fallimento, paura di essere feriti e così via, ma in definitiva ogni paura è la paura che l’ego ha della morte, dell’annullamento. Per l’ego, la morte è sempre dietro l’angolo e in uno stato identificato con la mente, la paura della morte influenza ogni aspetto della propria vita.

Infatti l’ego cerca sempre di negare l’Adesso e di sfuggirvi. Per cui più si è identificati con la mente e l’ego, più si soffre. Ma siccome la mente è legata al tempo, se le si toglie il tempo la mente si ferma.

La mente è sempre proiettata nel passato o nel futuro e se ci si identifica con essa, si sperimentano sempre emozioni di paura (legate al passato) e ansia (legate al futuro).

“Più siamo concentrati sul tempo (passato e futuro), più ci sfugge l’Adesso, la cosa più preziosa che esista. Perché è la cosa più preziosa? In primo luogo perché è l’unica cosa. È tutto ciò che esiste. Il presente eterno è lo spazio entro cui si svolge l’intera vostra vita, l’unico fattore che rimane costante.La vita è adesso. Non vi è mai stato un tempo in cui la vostra vita non fosse adesso, né vi sarà mai.“

Come vivere nel “qui e ora”

Ogni giorno nella nostra vita quotidiana possiamo sperimentare il potere di adesso e imparare a vivere nel presente e presenti a noi stessi.
Invece di svolgere azioni ripetitive inconsciamente, cerca di mettere grande attenzione ad ogni singola attività che fai, partendo da quelle più banali.

“Per esempio, ogni volta che sali o scendi le scale, cerca di prestare grande attenzione ad ogni passo, ad ogni movimento, anche alla respirazione, sii totalmente presente. Oppure quando ti lavi le mani, presta attenzione a tutte le percezioni sensoriali legate a tale attività: il suono e le sensazioni tattili dell’acqua, il movimento delle mani, il profumo del sapone e così via. O, ancora, quando sali in auto, dopo aver chiuso la portiera, soffermati per qualche secondo ad osservare il flusso del respiro.”

Diventa consapevole di un silenzioso e potente senso di presenza.
Riuscirai a misurare il successo di questa pratica in base al livello di pace interiore che avvertirai!

Ecco ciò che puoi fare per riuscire a vivere ogni momento in modo presente.

  1. Spezza gli schemi limitanti e le resistenze della tua mente

  2. Lascia andare il tempo psicologico

  3. Dimentica chi sei e l’immagine che hai di te

  4. Dimentica la tua situazione di vita

  5. Attiva l’osservatore interiore

  6. Utilizza pienamente i tuoi sensi

  7. Concentra l’attenzione nell’Adesso

  8. Diventa consapevole del tuo respiro

  9. Rivolgi l’attenzione all’interno del corpo

  10. Sii presente nel qui e ora e arrenditi!

“Quando vi arrendete a ciò che è e per questo diventate totalmente presenti, il passato smette di avere qualsiasi potere.
Il regno dell’Essere, che era stato oscurato dalla mente, allora si schiude.
E d’improvviso una grande quiete si fa spazio in te, un senso di pace al di là della comprensione.
Ed in quella pace vi è una gran gioia.
Ed in quella gioia vi è amore.
E nel più profondo nucleo vi è il sacro, l’incommensurabile, Quello che non può essere nominato.”

Vivere in Armonia- vivere il momento presente
04:43

Un simbolo può dirsi vivo solo quando è, anche per chi l’osserva,l’espressione migliore e più alta possibile di qualcosa di presentito e non ancora conosciuto. Solo cosi… esso giunge a generare e promuovere la vita.

(Carl Gustav Jung)


Iniziamo con il definire che cosa è un simbolo. Il simbolo, come tutti noi lo conosciamo, è un elemento di comunicazione che esprime dei contenuti. Un simbolo è una rappresentazione grafica, un tracciato di linee e/o curve, al quale associamo un significato e quando tutti conveniamo il significato attribuitogli, possiamo parlare di uno strumento di comunicazione. Un simbolo è un qualcosa che ha creato l’uomo, un suo modo di esprimersi e comunicare e questo avviene sin da quando l’uomo ha iniziato a comunicare attraverso la scrittura.

COSA SONO I SIMBOLI DI POTERE

Esiste però un’altra tipologia di simboli, quelli non creati dall’uomo. Sono simboli che l’uomo ha scoperto durante le meditazioni ed esperienze in altri mondi. Questa tipologia di simboli è completamente differente da quella descritta in precedenza in quanto, i simboli di cui stiamo parlando, hanno per propria natura un potere, ovvero sono capaci di creare un mutamento energetico semplicemente usandoli, indipendentemente dal fatto che la persona che li usa sia a conoscenza dei suoi effetti. Come per i simboli tradizionali, anche i simboli di potere vengono rappresentati con dei segni grafici , ma questo semplicemente perché è necessario rappresentarli nella nostra dimensione, altrimenti non avremmo alcun modo di concepirli ed utilizzarli. Ma non basta! Un simbolo di potere non è fatto di soli tratti, linee e curve, ma possiede un suono strettamente correlato ad esso. Questo significa che se conosciamo un simbolo di potere e lo disegniamo, senza emettere il suo suono, questo non avrebbe alcun effetto. Sarebbe praticamente inutile e rimarrebbe una serie di linee insignificanti. Ad oggi sappiamo dell’esistenza di centinaia di simboli di potere dove noi ne conosciamo semplicemente la grafica, ma non siamo in possesso del rispettivo suono. Possiamo pensare ad essi come uno strumento di potere perché nella storia li abbiamo associati ad un potere, ma non vedremo mai e non potremo mai sperimentare la sua vera efficacia in assenza del suono. Ricapitolando. Un simbolo di potere è così composto: rappresentazione grafica + suono. Usando il simbolo nella maniera corretta, quindi rappresentazione grafica + suono, il simbolo semplicemente si manifesta. Possiamo fare di più! Alcuni simboli possono essere abbinati ad un intento. Rappresentazione grafica + suono + intento sono la massima espressione di potere che un simbolo possa esprimere.

COME VENGONO TRAMANDATI I SIMBOLI

Molti dei simboli scoperti dagli antichi sciamani e maestri delle più svariate tradizioni vengono tramandati da maestro a discepolo nella massima riservatezza. Questo perché uno strumento di potere non può essere donato a chiunque, ma solo a chi segue una via, un percorso, una tradizione iniziatica. Questo però non significa che ognuno di noi non possa entrare in meditazione e raggiungere la vibrazione ideale per poter “vedere” un simbolo di potere e portarlo in superficie alla propria coscienza in maniera da poterlo poi rendere accessibile ed utilizzabile in questa dimensione.

Vivere in Armonia- Simbologia come riconoscere il tuo simbolo
06:28

È nel momento delle decisioni che si plasma il tuo destino.

[It is in your moments of decision that your destiny is shaped.]

(Anthony Robbins)

Il Potere delle Decisioni

Siamo quello che pensiamo. O meglio, siamo quello che decidiamo di pensare.
A determinare il nostro destino, non sono le circostanze, ma l’interpretazione che ne diamo e soprattutto, cosa decidiamo di fare in proposito.

Ci sono persone che nascono con dei vantaggi, genetici, ambientali o familiari. Eppure, se facciamo un’analisi di chi ha cambiato il mondo, notiamo che partiva invece svantaggiato in qualcosa. Proprio nel tentativo di superare quello svantaggio, la persona è cresciuta in modo fuori dal comune.

Pensa ad esempio a Sylvester Stallone. Leggendo su Wikipedia la sua biografia, vieni a scoprire che proveniva da una famiglia poverissima e nella sua infanzia soffriva di rachitismo. Aveva una costituzione molto debole e grazie alla palestra ed alla pratica assidua di sport, è diventato quello che è.

Puoi fare anche tu qualcosa di simile? Certo. Se prendi oggi la decisione di come vuoi sia il tuo futuro nei prossimi anni.

Le decisioni, hanno sempre un grande potere. Possono essere le scelte che facciamo senza pensare durante la giornata. Scelte che possono sembrare a volte non importanti, ma che invece, nel tempo, ci cambiano la vita.

Se non prendi una decisione, in realtà l’hai già presa. Decidi di farti influenzare dalle situazioni esterne. Di farti guidare dagli eventi e da quello che decidono gli altri per te. Se non decidi tu, stai sereno, lo farà qualcun’altro per te. Che siano i tuoi amici, i tuoi genitori o la società.


Come Decidere

Tre i passi che mi sento di consigliare:

  1. Decidi quello che vuoi

  2. Valutalo

  3. Agisci


1- Decidi quello che vuoi

Quando ti trovi in una situazione di decisione, la prima cosa da fare è domandarsi: Cosa voglio?

Cosa voglio ottenere? Cosa voglio veramente?


2- Valutalo

A questo punto, devi valutare le conseguenze di quella scelta. Cosa succederebbe se lo facessi?

A me viene d’aiuto una tecnica semplicissima che lessi tempo fa nel libro di Dale Carnegie “Come Vincere lo Stress e Cominciare a Vivere“.

Prendi una penna ed un foglio bianco. Fai una linea verticale che divide il foglio in due parti. In alto a sinistra scrivi “Vantaggi”, a destra “Svantaggi”.

A questo punto, elenca sulla colonna di sinistra quelli che sono i vantaggi della tua scelta. Tutti i vantaggi.

Poi vai sulla colonna di destra ed elenca gli svantaggi che può comportare quella decisione.

Alla fine, in base a quello che hai scritto, scegli cosa fare.


3- Agisci

Questo è il punto principale. Infatti molte volte sappiamo benissimo cosa fare, ma abbiamo paura di farlo. Siamo troppo legati alla nostra zona di comfort ed abbiamo paura di agire.

Il nostro istinto di sopravvivenza è in gamba e ci farà venire in mente tutti i motivi per i quali ancora non è il momento. Che ad esempio è troppo presto o che non siamo ancora pronti.

Il problema è che purtroppo, non saremo mai pronti al 100%. Non ci sarà mai un momento perfetto.

L’unica cosa da fare è agire. Cominciare, con quello che hai a disposizione.

Il voler fare tutto bene fin dall’inizio, è solo una scusa per non cominciare.

A volte dovremmo almeno per curiosità, andare a vedere l’etimologia delle parole. Da cosa derivano e che significato avevano realmente.

Ad esempio decisione, deriva dal latino DE-CIDERE. Che significa tagliar via, mozzare.

Quindi potremmo anche dire: Prendere una Decisione significa porsi un obiettivo, agire e tagliarsi via ogni altra possibilità.


Le Decisioni che Controllano il nostro Destino

Secondo Anthony Robbins sono tre le decisioni che controllano il nostro destino:

  1. La decisione su cosa concentrarti

  2. La decisione sul senso che le cose hanno per te

  3. La decisione a proposito di cosa fare per ottenere i risultati che vuoi


Vivere in Armonia- fai decidere al tuo corpo
04:50

La meditazione è una delle più grandi arti della vita, forse la più grande, e non la si può imparare da nessuno, questa è la sua bellezza. Non c’è tecnica e quindi non c’è autorità. Quando imparate a conoscervi, quando vi osservate, osservate il modo in cui camminate, in cui, mangiate quello che dite, le chiacchiere, l’odio, la gelosia, l’essere consapevoli di tutto dentro di voi, senza alternativa, questo fa parte della meditazione.


(Jiddu Krishnamurti)

Vivere in Armonia- la meditazione in Pratica
25:10

Sognate! I sogni plasmano il mondo. I sogni ricreano il mondo, ogni notte.

(Neil Gaiman)


Riuscire a realizzare i tuoi sogni è sicuramente possibile, ma non senza fare alcuno sforzo. Dovrai impegnarti con tutto te stesso e mostrarti determinato, ma definendo che cosa intendi per "successo" e determinando quali sono gli obiettivi e i doveri che ti consentiranno di raggiungerlo, verrai ricompensato con una sensazione di appagamento sia nella vita personale sia in quella lavorativa.


Ti auguro tutto il meglio

Vivere in Armonia- vivi il tuo sogno e realizzalo
02:59